De monilii

L’antro oscuro della bestia è appena rischiarato da una flebile luce lunare che filtra attraverso alcune aperture nella volta della grotta. Ho coperto la mia sfera luminosa lasciando quel tanto di luce sufficiente a vedere dove mettere i piedi e individuare il mio obbiettivo.
E lei è lì accovacciata e per fortuna dorme.
L’unico rumore che si sente è il martellare furioso del mio cuore, così forte che temo possa svegliarla.
La mano trema mentre mi avvicino e per un attimo il pugnale non mi scivola dalle mani, dovrei calmarmi un po e riprendere il controllo… ma come cavolo è possibile cacciarsi sempre in queste situazioni???

Eppure la giornata era iniziata nel migliore dei modi, dopo una notte passata con Melyanna da Wizzy, cullato tra le sue braccia a riordinare i buoni propositi per il mio prossimo futuro…

— Quella mattina —-
“…potrei rapire quella strega della moglie di Poldo, così diventerebbe ricattabile e potrei costringerlo a cedermi il controllo della capitale…”

Melyanna: <